Come cresce la vaniglia?

Coltivazione della vaniglia

L’albero di vaniglia , che può raggiungere i quindici metri di lunghezza, è una vite dai fusti nodosi, carnosi, cilindrici, ramificati di colore verde. Si aggrappano con radici avventizie di 2 millimetri di diametro ad alberi e vari supporti. Lo stelo principale ha un diametro da uno a due centimetri.

Orchidea epifita , può prosperare solo tra 10 e 20° di latitudine nord e sud e ad un’altitudine inferiore a 700 metri. La temperatura media dovrebbe oscillare tra 21 e 31°C.

Il terreno deve essere ben drenato per evitare il soffocamento delle radici e ricco di sostanza organica , l’elevata idrometria tra sole e ombra.

L’albero di vaniglia ha bisogno di supporto per arrampicarsi e trovare ombra. Nelle piantagioni di vaniglia vengono generalmente piantati in anticipo piccoli alberi in grado di sostenere il peso dell’albero di vaniglia in seguito. Questi alberi sono spesso il noce, la pianta del caffè, l’albero di avocado, l’albero di anacardio o l’albero di mango. Il termine ” under crop ” è riservato più particolarmente alle piantagioni indiane che hanno saputo sviluppare su larga scala la coltivazione mista di peperone, anacardi o cocco con vaniglia. Da notare sempre in India le piantagioni intensive di vaniglia chiamate ” undershade ” che consentono una maggiore resa di vaniglia verde.

Le foglie sono sempreverdi e verdi , lunghe da 15 a 25 centimetri e larghe da 5 a 8 centimetri. I fiori a forma di tromba sono giallo chiaro e profumati. Stami, stile e stigma sono uniti e formano il gimnoterm.

L’uomo è fondamentale per veicolare il polline sullo stigma. Il vento non ha azione data la disposizione degli organi floreali. Il frutto è un baccello verde allungato. I baccelli sono raggruppati in “ginestre” di una decina di frutti di lunghezze disparate da 10 a 20 centimetri.
Il frutto diventa giallo e marrone a maturazione, quando viene raccolto.

La vaniglia di solito fiorisce dal terzo anno di impianto. L’ impollinazione artificiale richiede un passaggio giornaliero da due a tre mesi.

Quando la fecondazione ha successo, il frutto raggiunge la sua dimensione adulta in sei settimane, ma viene raccolto maturo solo da sette a otto mesi dopo. L’impollinazione artificiale viene effettuata dalle donne (le “fiammiferaie “)  o dai bambini con un sottile stilo di bambù. Un buon impollinatore effettua tra le 1000 e le 1500 impollinazioni al giorno.

La fecondazione avviene al mattino quando il fiore sboccia, poiché rimane in fiore solo perun giorno. Un piede produce da 4 a 10 scope o da 40 a 120 baccelli. Con una resa media di 5 kg di vaniglia verde per 1 kg di vaniglia preparata (vedi preparazione – confezionamento)  una buona piantagione di vaniglia produce da 500 a 800 kg di vaniglia preparata per ettaro per una media di 8-9 anni (standard malgasci). La propagazione viene solitamente effettuata trapiantando liane di circa 1-1 1/2 metri di lunghezza.

Botanica sulla vaniglia

Delle circa cento specie elencate e più o meno localizzate, tre sono state storicamente conservate come fonte di vanillina naturale.

Vaniglia Pompona Shiede

Presente principalmente nell’America tropicale, Brasile, Guyana, coltivata nella zona delle Indie Occidentali (Martinica, Guadalupa, Trinidad) Vaniglia dalla resa molto bassa, la sua coltivazione fu presto abbandonata.

È meglio conosciuto come ” vanillon ” o ” banana vaniglia ” con una produzione di poche centinaia di chili l’anno. I baccelli sono corti con una lunghezza media da 10 a 12 cm e una larghezza da 1 a 3 cm.
Principio profumato: VANILLINA

Le monde la Vanille

Vaniglia Tahitintis Moore :
Introdotto in Polinesia nel 1848 dall’ammiraglio F.Hamelin. Mentre negli anni ’50 il Polinesia francese è stato il 2° produttore mondiale di vaniglia con 200 tonnellate, dietro a MadagascarLo sfruttamento di questa spezia, penalizzato dall’evoluzione delle strutture produttive mondiali e da un costo del lavoro dissuasivo, ha continuato a diminuire e si è stabilizzato a poche tonnellate all’anno.

Inoltre, un basso contenuto di vanillina e un forte aroma di anice hanno contemporaneamente dirottato le industrie utilizzatrici a vantaggio del Bourbon o della vaniglia indonesiana .

La vaniglia di Tahiti è utilizzata principalmente in profumeria sotto forma di estratti e di bacche “a bocca” per la pasticceria.

Principio profumato : ELIOTROPINA E VANILLINA

Vanilla Planifolia o Vanilla Fragrans Introdotta alla fine del XIX secolo nell’Oceano Indiano.

È la più prodotta e commercializzata al mondo e viene coltivata in Madagascar e nelle Comore.
Comore
Viene coltivata anche in India, Indonesia, Papua Nuova Guinea, oltre che in Uganda, Messico, suo paese d’origine, e nelle isole Tonga.

Per maggiori informazioni su Vanilla

Carrello della spesa (0)

Carrello

Monde de la Vanille

A partire da 75 euro
Ottenere GRATIS

25 g di estratto di
Vaniglia del Madagascar
valore di 12,90 euro
con il codice :

extrait2023

A partire da 75 euro
Ottenere GRATIS

25 g di estratto di
Vaniglia del Madagascar
valore di 12,90 euro
con il codice

extrait2023